Certificati Bianchi: I vantaggi dell’illuminazione a LED

CERTIFICATI BIANCHI

I certificati bianchi, anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), sono titoli negoziabili che attestano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica. In altri termini, chi realizza un intervento di efficientamento energetico riceve dal GME (Gestore dei Mercati Energetici), previa opportuna richiesta al GSE (Gestore dei Servizi Energetici), un numero di Certificati Bianchi corrispondenti al quantitativo di energia risparmiata. Nel caso dell’illuminazione a LED, i certificati bianchi rappresentano un vero e proprio contributo economico per coloro che dimostrano di aver ottenuto un significativo risparmio in bolletta grazie alla sostituzione del sistema di illuminazione con tecnologia LED di ultima generazione. Sarà poi fondamentale, al fine dell’ottenimento dei Certificati Bianchi, misurare l’energia elettrica assorbita dalla nuova tecnologia LED installata, e laddove possibile, misurare l’energia elettrica assorbita dal vecchio sistema, così da poter quantificare il risparmio effettivamente conseguito.

Il cuore del meccanismo consiste nella responsabilizzazione di specifici attori, le aziende distributrici di gas e/o di energia elettrica, le quali si vedono assegnato un obiettivo di miglioramento dell’efficienza energetica da conseguirsi presso i propri clienti finali. Per raggiungere tale obiettivo, queste aziende hanno la possibilità di finanziare interventi di efficientamento energetico (ricevendo in cambio un certo numero di certificati bianchi dal GSE), oppure, in alternativa, di comprare da altri operatori la quota di certificati bianchi stabilita. Il mercato e la relativa compravendita, dunque, sono a tutto vantaggio di:
• operatori virtuosi che possono trarre guadagno dal possesso e dalla cessione di certificati;
• utenti finali spinti ad un uso sostenibile dell’energia e quindi ad azioni di ammodernamento, razionalizzazione e riduzione dei costi energetici nei più disparati settori di attività.
Il decreto 28 dicembre 2012 ha imposto significative restrizioni relativamente agli operatori abilitati alla richiesta dei TEE: oltre ai soggetti obbligati (le summenzionate aziende distributrici di gas e/o di energia elettrica), tra questi rientrano le società accreditate come Energy Service Company (ESCo), soggetti specializzati che effettuano interventi di efficientamento energetico presso terzi assumendo su di sé il rischio dell’iniziativa. Per questo -e per altri vantaggi- Site ha deciso di accreditarsi come Esco, certificandosi secondo la norma UNI CEI 11352 (2014).

In qualità di ESCo Site si occupa, per conto dei sui clienti, di:
• valutare l’entità degli incentivi in riferimento agli interventi di efficienza energetica effettuati;
• istruire la pratica per l’ottenimento dei Certificati Bianchi presso GSE e condurre tutte le eventuali azioni di monitoraggio energetico necessarie per l’approvazione del progetto;
• girare al soggetto richiedente gli incentivi ottenuti secondo i termini dell’accordo di consulenza.
L’intervento di efficientamento energetico per il quale Site ha condotto progetti di ottenimento di Certificati Bianchi consiste nel retrofit dell’impianto di illuminazione di complessi ed edifici adibiti a differenti destinazioni d’uso mediante l’installazione di innovative e performanti tecnologie Led individuate con l’obiettivo di massimizzare il risparmio energetico conseguibile privilegiando sempre il rispetto delle normative di settore.
Ad oggi, questa attività ha permesso a Site di ottenere il riconoscimento di oltre 1000 Certificati Bianchi.